pollice verso

ho approfittato del mio pollice da autostoppista innumerevoli volte. quante volte figliuola? la prima volta sul gargano, con le amiche, per raggiungere roma, ma erano ancora gli anni 80 ed eravamo...

Continua a leggere

FAI primavera

le giornate del FAI sono una benedizione per scoprire luoghi difficilmente visitabili perché chiusi al pubblico, impossibilitati a fornire apertura continuative, o ancora così sconosciuti che occorre...

Continua a leggere

vola maggio

vola e non lo fermi maggio e un evento dopo l’altro il primo è già passato, camminato, respirato fino a brisighella e ritorno e pure il 6 è andato, la festa della parrocchia e le coppie che si...

Continua a leggere

colledimezzo una porta d’abruzzo

ci sono paesi che non cerchi sulla carta geografica. che non compaiono nei motori di ricerca e che non vengono proposti come destinazione turistica. ci capiti per un piadina party, per esempio, che...

Continua a leggere

Vai e Fai

puoi conoscere ogni passo del luogo in cui vivi, ogni porta, cancello, monumento ma, se alzi la testa e apri gli occhi, scopri che qualcosa ti è sfuggito. oggi, giornata d’autunno del fai prendi...

Continua a leggere

Chi va al Molino Scodellino

si infarina di partecipazione, si immerge in quello che è stato il nostro passato, impara quanto il volontariato e l’amore per un luogo possa cambiare le cose e ridare vita a siti che per il nostro...

Continua a leggere

La controra

sulla linea ferrata adriatica, quella meraviglia che dovremmo provare tutte le estati scendendo in ogni stazione che trenitalia ci manda a vista, c’è un momento in cui la sabbia e il mare diventano...

Continua a leggere

Biccari e i Borghi autentici

se non fossimo italiani metteremmo l’italia fra le mete essenziali da visitare e potremmo finalmente guardarla con occhi diversi. con gli occhi di chi arriva in puglia e scopre la montagna, per...

Continua a leggere

a lezione di romagnolo

questa l’è la rizèta dal mi tajadèl: qvel cui vo: una zemna* ad farèna par ogni ov, piò quel cl’aj vó par la sfoja un tulìr, un sciadur, e ó cut guérda trì ov al a vólta, si no l’è tropa fatiga. l’ov...

Continua a leggere