l’isola che non c’era-gente del fud

che ci sono aziende che scelgono mina, altre la vanoni; la garofalo, come testimonial,  ha scelto un centinaio di foodblogger che probabilmente non sanno cantare e ballare, ma possono parlare (o sparlare,...

normandia, la mia

ho gli occhi pieni di verde e i capelli pieni di vento. ho nelle orecchie il rumore dell’oceano, che assomiglia “incredibilmente” al rumore del mare. onde che si infrangono sulla scogliera...

cominciamo da parigi

il nostro viaggio in normandia e la serie di cose da dire che si è accumulata nel settore “condividere” parigi 1988. prima volta. poi parigi 1999, infine parigi 2011. parigi ogni 11 anni....

calvarios

e io invece avrei preferito calvados. nella terra del sidro e del camembert, fra mucche al pascolo in ogni giardino, fra tarte normande e pain au raisin, si percorrono le tracce dello sbarco, si leggono...

la settimana enig-mitica

piena di impegni, di incontri programmati e inaspettati, di cose da fare e da dire, di mezzi e di interi di trasporto, di stazioni da cui partire e di stazioni a cui riprendere uno sparso che ti raggiunge...

pedalando verso su

vorrei che i miei occhi potessero fotografare l’attimo e trasferirlo su carta nel momento in cui una situazione mi colpisce. solo così potrei raccontare una domenica passata a pedalare da una...

roma è fatta a post

roma è un braccio ingessato, è una freccia rossa con appuntamento, è un navigatore che parla tedesco, è un cielo azzurro negli occhi di chi ci aspetta. roma è accogli’enza, è capelli lunghi e...

berlino. atto terzo

come la prima volta, appena atterrata, ho avuto la sensazione di essere dove dovevo. facile subito muoversi. ritrovare i percorsi. ammirare il verde intenso e sentire il calore del sole. un sole appena...

bello ass/aie

stanca sono stanca. ma la carica e l’energia che questi giorni mi hanno trasmesso mi tengono sveglia e con gli occhi spalancati. sarà la meraviglia, sarà la musica, sarà la gente. sarà il sole...

la porti un bacione a firenze

un giorno passato a testa in su e poi in giù e poi guarda di qua e ooohhhh guarda di la…le mura, la piena, una coperta di arte e di meraviglia che firenze stende su chi arriva. e che senza neanche...