a lezione di romagnolo

questa l’è la rizèta dal mi tajadèl: qvel cui vo: una zemna* ad farèna par ogni ov, piò quel cl’aj vó par la sfoja un tulìr, un sciadur, e ó cut guérda trì ov al a vólta, si no l’è tropa fatiga. l’ov...

Continua a leggere

Chiamata in attesa di risposta

[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light”...

Continua a leggere

Napoli (aperta parentesi)

napoli è respirare una città che cambia a ogni passo, strada, faccia, espressione. è una metropolitana diventata museo. sono i chilometri fatti per mangiare una pizza di domenica napoli è l’europa...

Continua a leggere

Imparare a far Natale

per chi, come me, “l’attesa è la parte migliore della festa” è arrivato il periodo che in assoluto mi vede sognatrice, romantica, luminosa, sdolcinata, affettuosa e spargugliatrice...

Continua a leggere

dica 33

e pensare che almeno un paio di volte ho creduto fosse arrivato alla fine. poi bastava una spinta, una parola, uno sguardo diverso ed eccolo resuscitare. certo si sentono i segni del tempo, non è sempre...

Continua a leggere

Conosci Levanto?

io la conosco attraverso le parole di silvia trips, l’ho immaginata nella dedizione con cui ne parla e sì, mi ci riconosco, oltre il nome, io e silvia abbiamo le radici belle profonde nel nostro...

Continua a leggere

Donne. Tu Tu Tu

nel duemilaotto ho creato questo spazio. perché mi serviva qualcosa per non sentire le mancanze. sono passati 8 anni e oggi, 8 marzo, posso dire che questo diario mi ha dato più di quello che io ho...

Continua a leggere

nome e cognome

ore 16, rotonda dei cappuccini. un anziano in pigiama è fermo all’incrocio che viene da monte, una signora con finestrino abbassato sta parlando con lui. Io passo con la bici e la cosa mi colpisce...

Continua a leggere