gli tiro il collo

ven a qua! ven a qua ca’t tir e col! era questo il grido che spesso mi dava la molla per muovermi veloce da bambina. perchè mi correva dietro davvero la nonna, con quello che aveva in mano e urlando, appunto, vieni qua che ti tiro il collo. la mia nonna non era simpatica. era piccolina, stortina,  vestita con le vestaglie a piccoli fiorellini scuri e col grembiale tono su tono portato come un simbolo. ma non era simpatica. il fazzoletto nei capelli legato sotto il mento a coprire capelli bianchi e lunghi che si lavava una volta alla settimana. era energica, donna di collettivo, più avvvezza ad avere le mani nella terra che sull’asse da stiro o in cucina. ma non era simpatica e faceva correre me e fuggire le amiche. a scusarla, con i pensieri di oggi, la sua difficile condizione di ragazza madre che agli inizi del secolo scorso era un’onta che non si lavava. era sfacciatamente di parte la nonna. aveva la nipote preferita. e non aveva ritegno che si vedesse. così come preferiti erano gli acquisiti col matrimonio. chiesta in moglie dal vedovo con figli dal quale faceva la serva. un film. e anche questo atteggiamento è comprensibile, col senno di poi. da bimba invece invece soffrivo i suoi urli e le sue indifferenze. nella campagna in cui vivevo, pur non essendo contadini, era facile che ogni casa avesse pollaio e orto. nonna mi teneva con se solo quando c’era appunto da tirare il collo al pollo che poi  mi faceva spennare. non poteva sembrarmi pratica assurda. sempre vista fare. sempre fatta. ora che però tutto è cambiato e il pollo ha una terra di polistirolo e una coperta di cellophane ringrazio il mercato a km zero che mi ha riportato comodamente la possibilità di avere polli ruspanti. lo sapevo quanto sono grandi e grossi e gialli i polli ruspanti interi? si ma non così tanto! 3 kg di pollo completo di testa, piedi, interiora tutte. una meraviglia che se sapessi dipingere diventerebbe la più bella natura morta.

e allora ecco il pollo arrosto con patate.

molto molto molto semplice. trito di aglio, rosmarino e sale. da usare come scrub per massaggiare tutto il pollone. un bel massaggio lungo, petto, cosce, schiena. poi in una grande teglia da forno e via dentro a 230°. statico all’inizio, ventilato poi. quando il grasso si raccoglie nel fondo lo utilizzo per ungere con pennello – due o tre volte o quanto sembra lo chieda (olio abbronzante) ho usato lo stesso grasso saporito per cuocere una teglia di patate, due cucchiai, infornate insieme al pollo quando mancavano 40 minuti circa al termine della cottura. lo so non è il massimo della salute ma i pollo è ruspante, il grasso è naturale per una volta che sarà?

il pollo era grandioso e l’abbiamo finito in due cene. con le frattaglie ho fatto il ragù per le tagliatelle e con piedi e collo il brodo per i tagliolini. più passano gli anni più mi torna la voglia di pollaio, orto, resistenza.

ps: arrivando a casa di babbo qualche anno fa trovai un pollo nudo appeso con le mollette al filo del bucato. segno evidente che babbo e mamma avevano la testa altrove. alla mia domanda ridendo “chi è stato a stendere il pollo?” risposero noi no, dev’essere venuto un ladro. ne rido ancora.

nonne, pollo arrosto, ruspanti, secondi, spesa

Comments (16)

  • il pollo appeso al filo del bucato mi ha strappato una bella risata, la nonna no perchè chi di noi non ha avuto un parente non simpatico alzi la mano, e certe cose costa fatica ricordarle.

    • mi ero appuntata di raccontarlo da quando hai pubblicato vuole un coniglio cocca! il racconto della vecchina mi ha riportato alla nonnastra. vero che non sono l’unica? che a volte non ricordare con piacere la nonna mi fa sentire ingrata.

  • un bel giorno andando a scuola senza avere volontà vidi un pollo che giocava solo solo in libertà.
    “pollo felice, pollo beato, ma perchè non sono nato pollastrello come te?”
    Ma al ritorno dalla scuola vidi il pollo appeso a un chiodo e una vecchia lo pelava.
    A veder tanto disastro: “non voglio esser più pollastro, alla scuola voglio andar!”

    Me la recitava sempre la mia dolcissima nonna elena.

  • La mia parente non simpatica che tira il collo al pollo è una zia. Brutta e cattiva. Una di quelle che mette lo stesso grembiule tutto il mese e va a farsi i capelli solo in occasione di un matrimonio. Che quando fanno l’unica vacanza al mare a 100 km più in là si porta pane suo, conserve di pomodoro, pasta e polletto ruspante.
    Però il suo pollo è davvero buono. Lei non la sopporto.

    • però non sopportare una zia non implica turbe come non sopportare la nonna che ha vissuto sempre in casa con te…sai che io mi sono sentita male per anni? per che che i nonni sono la nostra storia, sono il libro in cui leggere e imparare…alex, non mi cancellare ma spesso anche io al mare mi porto le cose da casa. ci vivo due mesi però nella casa. e nutro gli amici dello sparso come posso…

      • leggo solo ora la risposta 🙂 ma loro fanno quell’unica settimana di vacanza. invece di godersela appieno e magari andare una volta a mangiare fuori, sono più occupati a caricare la macchina di polli, pane e conserve. e poi ci mettono due giorni a pulire la casa che affittano. per una settimana. e altri due giorni per ripulirla prima di partire.
        che stresse :-))

        • per una settimana! no così no…una settimana è da stravacco! e anche io ho cominciato a tagliare sulle cose da portare al mare…i primi anni trasferivo mezza casa…adesso mi basta un costume, le pinne, la bici e quello che serve per cucinare vongole! 🙂

  • Siamo il risultato di tutti gli elementi del nostro vissuto: senza questa nonna oggettivamente antipatica non saresti come sei oggi…

    P.s. la prima foto è un po’ scura ma la seconda emana un profumino di buono…

    • lo so e le ho trovato tutte le giustificazioni è la bambina che ogni tanto vive ancora in me che continua a soffrire…ma sono strana forte eh? la prima è dello sparso. la
      seconda un mio scatto al volo. il profumo era davvero buono. quasi quanto l’odor di strutto e pizza fritta che sento ora…

  • Mi è piaciuto tutto il post ma caspita, arrivata alle ultime righe ho spalancato la bocca: hai condito per le feste questo pollo dall’inizio alla fine, complimenti!
    Un abbraccio buona serata,

    wenny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.