sapeva d’amore e del voler bene

più che altro questo. che non c’erano tecnologie a distrarre e allontanare. sapeva sorridere con la bocca, gli occhi e il cuore. abbracciarti con le parole e con i gesti. sostenere. sapeva anche chiudere le porte, ma lasciava sempre uno spiraglio per far rientrare chi aveva allontanato.

sapeva dell’amore quello che molti dimenticano. che bisogna dirlo e farlo. a parole e a gesti. spesso. poco importa se in armonia o in burrasca, l’amore s’ha da fare e dimostrare. e da dire, sempre.

babbo mi chiamava biba e oggi era il suo compleanno. mamma mi chiamava “la znèna” e oggi mi avrebbe chiesto di preparare la crema

e mi manca da non credere.  la mia famiglia che fu

è una ruota che gira ma io mi sento sempre sotto.
è una ruota che gira ma io mi sento sempre sotto.

ps

dire ti voglio bene e dimostrarlo, sempre,  è l’unico potere che abbiamo e farlo prima che sia troppo tardi è un dono. e trovare il tempo di farlo è un dono. di quei doni che non si comprano e quindi con valore inestimabile.

pps

regalare il tempo e il sorriso. quanti rinunciano a un pochino di tempo per un amico? tempo da non spendere in egoismo persestessismo?

ppps

c’era a sostenere nei momenti difficili. c’era. per tutti. ma tutti non lo sanno. che quando c’è da dire grazie, ciao. meglio togliere il saluto.

babbo, compleanno, famiglia, mamma, vita

Comments (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.