Sono io il pollo

che se la racconto non mi crede nessuno! la scena è questa: un incrocio gestito da semaforo, una Titona in bici da corsa che passa col verde che è solo un ricordo e si gira a richiamare il suo bimbo di cinquantanni “attento amore” così facendo sterza quel tanto che bastava per centrare in pieno il palo del semaforo, stampandosi, fra l’ilarità generale, fronte, freno, spalla sul palo del semaforo. Non ci credo…ma è vero. Dddddolore. Pà vai avanti che io proseguo piano, mi fa male la spalla, sanguino? No, non sanguini stai tranquilla, non ti sei fatta nulla, solo la botta, sei proprio scema, ma come si fa? Ti aspetto…e intanto pedalava il doppio e io dietro con una mano sola e una rabbia che cresceva, per la coglio…per il dolore, perchè domani siamo alla cerimonia dei nostri primi 25 anni, perchè dobbiamo essere alle prove fra poco e il Don si spazientisce ma …chissene.

MI FA MALE. E allora prove, sudore e pronto soccorso. 3 ore. senza poter fare lastre che è sabato e non c’è il radiologo, niente ortopedico che è sabato e non c’è il medico, niente di niente. Ghiaccio. Quello si.

E la mattina del giorno dopo, io che volevo mettere il vestitino bello avevo una sopraelevata in fronte che non è bastata una bistecca congelata a sfiammarla e la spalla mi doleva al punto che mi sono fatta vestire da Pà.
25 anni fa c’avevo la gamba ingessata. oggi la spalla…sarà mica un segno?
Cosa si mangia dopo tre ore di pronto soccorso e una moglie fuori uso?
Panini, of course!


La ricetta per 14 piccoli panini:
150 grammi di farina 0
300 grammi di farina 00
2 cucchiaini di zucchero
2 cucchiaini di sale
50 gr di burro a pomata
1 bustina di lievito secco PaneA
300ml di latte tiepido (intero)

Impastate la farina, lo zucchero, il burro morbido, il lievito, il sale ed il latte tiepido fino ad ottenere una pasta liscia. Mettete la pasta in una terrina capiente, copritela con un panno umido e lasciatela lievitare nel forno spento, precedentemente riscaldato a 50 C, per circa 2 ore. Formate delle palline piccole e mettetele su una teglia unta con un po’ di olio. A piacere spennellateli con poco olio e aggiungete semi di sesamo o di papavero poi infornate a 200 C per circa 20 minuti o fino a quando non si saranno dorati.

NOTE:

I panini erano sofficissimi e molto mollicosi. sono rimasti morbidi un paio di giorni
e rinvenuti benissimo nel fornetto la mattina per colazione.
la prossima volta metto olive verdi a pezzetti.

spizzichi, vita

Comments (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.