esta-gram-cartoline

immagini elaborate in serie. emozioni per chi le vive e le rivede. appunti un’estate che voglio far durare il più a lungo possibile. che la fase “malinconicoautunno” può aspettare....

normandia, la mia

ho gli occhi pieni di verde e i capelli pieni di vento. ho nelle orecchie il rumore dell’oceano, che assomiglia “incredibilmente” al rumore del mare. onde che si infrangono sulla scogliera...

cominciamo da parigi

il nostro viaggio in normandia e la serie di cose da dire che si è accumulata nel settore “condividere” parigi 1988. prima volta. poi parigi 1999, infine parigi 2011. parigi ogni 11 anni....

calvarios

e io invece avrei preferito calvados. nella terra del sidro e del camembert, fra mucche al pascolo in ogni giardino, fra tarte normande e pain au raisin, si percorrono le tracce dello sbarco, si leggono...

la settimana enig-mitica

piena di impegni, di incontri programmati e inaspettati, di cose da fare e da dire, di mezzi e di interi di trasporto, di stazioni da cui partire e di stazioni a cui riprendere uno sparso che ti raggiunge...

pedalando verso su

vorrei che i miei occhi potessero fotografare l’attimo e trasferirlo su carta nel momento in cui una situazione mi colpisce. solo così potrei raccontare una domenica passata a pedalare da una...

roma è fatta a post

roma è un braccio ingessato, è una freccia rossa con appuntamento, è un navigatore che parla tedesco, è un cielo azzurro negli occhi di chi ci aspetta. roma è accogli’enza, è capelli lunghi e...

un po sì e un po’ no

il rumore dell’acqua accompagna i pensieri, le canne, mosse dal vento  suonano la loro canzone, creata per accompagnare le nebbie e per far ritrovare la strada ai gabbiani. la sabbia diventa duna...